La ricostruzione delle unghie dei piedi: procedimento e consigli

Adori le scarpe aperte, i sandali, o semplicemente camminare scalza sulla spiaggia, ma non ami i tuoi piedi? Sentirsi inadeguate può capitare quando si hanno delle unghie non curate o rovinate. Per ovviare a questo disagio, puoi optare per una ricostruzione delle unghie dei piedi, una tecnica estetica semplice ma d’effetto, in grado di farti sentire al meglio con te stessa. Grazie alla ricostruzione avrai un effetto dello smalto più duraturo e certamente più curato, che durerà a lungo. Scopriamo insieme in questo articolo come ricostruire le unghie dei piedi e anche come procedere ad una ricostruzione delle unghie dei piedi senza unghia.

La ricostruzione delle unghie in buono stato

Qualora le unghie si presentino in buono stato e non siano eccessivamente danneggiate, è possibile optare per la ricostruzione delle unghie dei piedi con una semplice colata (ricopertura in gel) in gel o con il sistema acrilico. Un procedimento molto simile a quello effettuato sulle mani, grazie al quale potrai scegliere non solo il colore che più ti piace, ma anche infinite combinazioni di decorazioni e nail art. Glitter, brillantini, dotting, disegno: il procedimento sarà abbastanza veloce, basta affidarsi a personale esperto e qualificato o acquistare prodotti di ottima qualità.

Pedicure ricostruzione unghie
Ricostruzione unghie dei piedi

La ricostruzione delle unghie danneggiate

Se ti stai chiedendo come si fa la ricostruzione alle unghie dei piedi se quest’ultime appaiono danneggiate o con problemi, sappi che esistono delle tecniche per ottenere risultati soddisfacenti e praticamente perfetti. Una colata in più di gel, così come l’allungamento con cartine (formine) possono ovviare ad asimmetrie, unghie deboli e fragili, unghie sfaldate e rotte.

La ricostruzione quando non c’è l’unghia

Come è possibile ricostruire l’unghia dell’alluce, qualora non ci fosse? La buona notizia è che rinunciare alla ricostruzione non è un’opzione! Grazie alle tecniche tramite allungamento, è possibile procedere con la ricostruzione anche senza unghia. In questo caso non si adoperano le tips, come avviene per le mani, preferendo le cartine per poi ricreare la forma dell’unghia naturale tramite la colata di gel.

Ricostruzione dell’unghia: il procedimento

L’allungamento per mezzo delle cartine prevede, come prima cosa, la preparazione dell’unghia (qualora presente) tramite pulizia, rifinitura e rimozione di pellicine. Successivamente, inserendo il piede all’interno del fornetto catalizzatore con lampada UV, si lascia polimerizzare il tutto per poi lavorarlo al meglio. Oltre alla ricostruzione con cartina o con tips, un altro metodo è quello fiberglass, meglio conosciuto come ricostruzione con seta. In questo caso, l’unghia naturale viene allungata con fibre 100% di origine naturale.

Quindi si procede proprio come per le mani? In realtà no. Ci sono alcuni accorgimenti a cui il professionista deve fare attenzione, come ad esempio quello di non superare mai la lunghezza del dito con l’unghia. A differenza delle mani, infatti, avere delle unghie dei piedi eccessivamente lunghe comporterebbe molti rischi, fra cui difficoltà a camminare e possibilità di sviluppare unghie incarnite.

Scrivi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Digita il testo e premi il tasto invio per effettuare una ricerca